Punti Neri sul Naso: cause e rimedi

0 0

Punti Neri sul Naso: cause e rimedi – I Punti Neri, soprattutto quelli sul naso, sono l’incubo delle donne, ancora di più delle ragazze sempre alla ricerca della perfezione del loro viso. Non che i Punti Neri sminuiscano la bellezza di una donna, niente affatto, ma se non ci sono è ancora meglio. Quali sono le cause e quali rimedi puoi adottare?

Nella pelle ci sono minuscole aperture chiamate “pori” attraverso cui la pelle espelle una sostanza grassa, il sebo, e il sudore, prodotto da piccole ghiandole che si trovano nel tessuto della pelle.

Il sudore ha la funzione di regolare la temperatura per il principio che un liquido che evapora sottrae calore dalla superficie in cui si trova. Il sudore, quindi, evaporando per effetto dell’aria e del calore, raffredda la pelle. E’ sbagliato, quindi, eliminare il sudore e cercare di non produrlo.

Il sebo, invece, serve a creare una sottile pellicola grassa sulla pelle che serve a difenderla dalle aggressioni esterne e preservare l’idratazione. Senza questo film lipidico la pelle si seccherebbe rapidamente, arrossandosi e screpolandosi: è il problema di chi ha la pelle secca.

Le cause dei Punti Neri

I pori, essendo delle aperture, sono soggetti all’aggressione da parte di batteri e inquinanti che possono essere alla base della formazione dei Punti Neri.

Questi inestetismi più frequentemente sono provocati da un eccesso di sebo che, ristagnando sulla superficie del poro, ossida e si scurisce, oltretutto bloccando il poro stesso, facendo da tappo e non lasciando “respirare” la pelle.

Sul Naso sono concentrati molti pori, percentualmente più che in altre zone e per questo il naso è la parte in cui sono più visibili.

I Rimedi contro i Punti Neri sul Naso

Il principio fondamentale è la detersione e la purificazione della pelle che puoi ottenere in diversi modi:

  • un peeling delicato del viso, attraverso i vari Scrub che trovi in commercio o anche che puoi fare tu stessa mescolando Zucchero, olio di oliva e qualche goccia di limone. Lo applichi con movimenti circolari e risciacqui abbondantemente, due volte alla settimana.
  • Una lozione purificante la ottieni mescolando in mezzo bicchiere d’acqua del succo di limone e un cucchiaio di miele: usala picchiettando con un dischetto di cotone.
  • Una profonda pulizia del viso eseguita da un’estetista ti garantirà ottimi risultati

Ultimamente va alla grande la cosiddetta Black Mask, una maschera nera che arriva dall’Asia. Il suo colore è dato dal carbone vegetale e dal Sapone di Aleppo, fatto con Olive nere. L’aggiunta di Cacao contribuisce al colore nero.

Fai attenzione ai prodotti Black Mask che trovi in giro: molti sono neri solo per la presenza di coloranti e prodotti chimici e dei componenti naturali non c’è nemmeno l’ombra e invece di aiutarti rischia di farti male. Leggi sempre l’etichetta del prodotto.

La Black Mask si applica sul viso evitando contorno labbra e occhi, si lascia in posa per 20/30 minuti, infine si rimuove tirandola letteralmente via; asciugandosi forma una pellicola che si toglie sfogliandola e tirerà via con se i Punti Neri e le impurità.

Cercala nei negozi specializzati in prodotti di bellezza, nelle erboristerie ma anche sul web, ad esempio su Amazon.

Ti è piaciuto l’articolo? Hai già provato la Black Mask? Commenta subito e condividici su Facebook.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.